Grotte di Rescia Grotte naturali turistiche
Italiano
Italiano

Benvenuti alle Grotte di Rescia!

Le sette Grotte di Rescia, unite in un unico complesso agli inizi del ‘900, si snodano lungo un percorso turistico di ca. 500 m alle pendici dei monti, sul versante orientale del Lago Ceresio.

Queste caverne, già dal ‘700 meta di turisti provenienti da tutta Europa, rappresentano una rarità a livello nazionale e ciò in relazione alla loro origine: si tratta, infatti, di cavità originate all’interno di colate di travertino, conosciuto impropriamente come “tufo”.

L’azione dell’acqua, perdurata nel corso degli anni, ha scavato una serie di vuoti nel travertino depositandovi spettacolari concrezioni. Il travertino è una roccia spugnosa prodotta dalla deposizione del calcare prodotto dallo scorrimento dell’acqua su cumuli di muschi. Nelle grotte più comuni, invece, l’origine della cavità è prodotta dallo scioglimento di roccia calcarea senza che vi sia precipitazione di travertino.

Le Grotte di Rescia offrono la possibilità di osservare da vicino la “vita” di una grotta, dallo stato attivo, ancora in crescita, a quello fossile. Inoltre, situazione unica nel suo genere, uniscono la visita di una grotta a quella di un orrido, l’orrido di Santa Giulia con la sua cascata alta ca. 70 m.

Le Grotte di Rescia rappresentano un gioiello natuale del Lago Ceresio, della Valle D'Intelvi e dell'intera Provincia di Como.

DURATA DEL PERCORSO: ca. 25 minuti

VISITE GUIDATE SU RICHIESTA: durata circa 45 minuti

Natale in Grotta

Natale in Grotta - Grotte di Rescia

Durante il periodo natalizio le Grotte di Rescia accolgono la caratteristica rappresentazione natalizia "Natale in Grotta", giunta ormai alla sua VII edizione.

Le grotte vengono decorate con cura e illuminate da candele e luci colorate per trasformarsi in un magico mondo di balocchi e presepi.

Calendario di Natale in Grotta 2017

Calendario di Natale in Grotta 2017 - Grotte di Rescia

Vi aspettiamo da venerdì 8 dicembre per regalarvi anche questo Natale un'esperienza meravigliosa!

Scarica la brochure! - Download the flyer!

La particolarità delle Grotte di Rescia

La particolarità delle Grotte di Rescia - Grotte di Rescia

La caratteristica che rende interessanti le grotte di Rescia è strettamente collegata alla loro genesi che si discosta in modo significativo dalle grotte più frequenti. Non è comune che si formino infatti delle grotte nel travertino.

Le grotte, diremo normali, si formano per dissoluzione di roccia calcarea causata dall’azione corrosiva dell’acqua. Le grotte di Rescia invece si originano in cavità scavate nel travertino, un particolare tipo di roccia, non sempre abbondante, che si forma per effetto della precipitazione del calcare.

La genesi delle Grotte di Rescia, così come appaiono ora, si è concretizzata in due fasi distinte: una prima fase di formazione del travertino e una seconda fase di formazione delle cavità nel travertino.

Prima che si originassero le grotte l’area interessata era una parete rocciosa di Calcare di Moltrasio dalla quale scorrevano una serie di sorgenti. Queste acque, sature di carbonato di calcio, hanno depositato, per incrostazione della parete, una roccia dall’aspetto spugnoso: il travertino. Le Grotte di Rescia, quindi, si sviluppano all’interno di una gigantesca concrezione di travertino, denominato dai locali “tufo”.

I travertini di cascata, come nel caso di Rescia, possono presentare numerose cavità paragenetiche, ovvero sistemi di vuoti formatisi durante la formazione dell’ammasso di travertino per la non perfetta sovrapposizione delle differenti colate. I vuoti che si formano in questa maniera sono spesso isolati tra loro, come lo erano le sette Grotte di Rescia prima che venissero collegate tra loro agli inizi del ‘900.

All’interno delle cavità in travertino si sviluppano gli stessi fenomeni che caratterizzano le “normali” grotte carsiche: in particolare ha luogo la formazione di speleotemi, ovvero di deposizione di calcite ed aragonite in forme varie. Le forme più frequenti sono stalattiti, stalagmiti, colate, vaschette ed eccentriche.